Intermezzi Blog!

Al buio su CrunchEd

cop_hq

Paolo Perlini recensisce Al buio di Carlotta Borasio e Andrea Malabaila su CrunchEd.

Qui.

Di seguito un estratto.

[]

Noi lettori partecipiamo a questa sagra di paese vedendo il punto di vista di Carlotta e poi quello di Andrea. Vediamo il passato che si ripresenta e, come ho già avuto modo di notare in “Green Park Serenade”, Andrea non lo ama molto.
“Su questo punto io e Carlotta la pensiamo in maniera molto diversa. Il passato deve rimanere passato ed è meglio non metterci troppo le mani col rischio poi di rinvenire sentimenti messi a dormire. Lei crede invece sia meglio accanirsi, andare a fondo, mettere alla prova la propria tenuta”.

In fondo, è proprio Carlotta a dire che “il tempo è capace di farcire con la panna anche i ricordi più disgustosi”.

In realtà, Andrea non ama molto il passato di Carlotta perché, da vero innamorato, non gli appartiene.
“Un passato che sì, mi ha raccontato, ma ne resto curioso. E geloso. Lei esisteva e io non c’ero. Cosa faceva? Com’era?”

In entrambe le versioni assistiamo a piccoli diverbi, alle provocazioni di Carlotta che mette alla prova la gelosia di Andrea, fino all’episodio che azzera tutto: un blackout.
Loro due si sono persi e nella confusione, con la gente che grida e il buio totale è ancora più difficile trovarsi. Lo è ancora di più quando si sente dire che una persona è morta e ognuno teme per la vita dell’altro.
Ma la vera sorpresa di questo racconto scritto a quattro mani, ispirato dalla serie tv “The Affair”, non è il morto.
Per scoprire di cosa si tratta bisogna leggerlo fino alla fine.

[]